Caffè de la Paix

Caffè de la Paix

¶Ci si risveglia ancora
in questo corpo attuale
dopo aver viaggiato dentro il sonno.
L’inconscio ci comunica coi sogni
frammenti di verità sepolte:
quando fui donna o prete di campagna
un mercenario o un padre di famiglia.
¶Per questo in sogno ci si vede un po’ diversi
e luoghi sconosciuti sono familiari.
Restano i nomi e cambiano le facce
e l’incontrario: tutto può accadere.
Com’era contagioso e nuovo il cielo….
e c’era qualche cosa in più nell’aria.
¶Vieni a prendere un tè
al Caffé de la Paix? su vieni con me.
¶Devo difendermi da insidie velenose
e cerco di inseguire il sacro quando dormo
volando indietro in epoche passate
in cortili, in primavera.
Le sabbie colorate di un deserto
le rive trasparenti dei ruscelli.
¶Vieni a prendere un tè
al Caffé de la Paix? su vieni con me.
¶Ancora oggi, le renne della tundra
trasportano tribù di nomadi
che percorrono migliaia di chilometri in un anno…
E a vederli mi sembrano felici,
ti sembrano felici?

Album: Caffè de la Paix -
1993
Musiche: Battiato
Testo: Battiato
«L'inconscio ci comunica coi sogni frammenti di verità sepolte» vs. «insidie velenose»

Caffè de la Paix è una canzone estremamente complessa e affronta molti temi che sono al centro della riflessione esistenziale e artistica di Battiato, dal tema della reincarnazione a quello della felicità, in questa vita e in quella avvenire a quello, davvero sconcertante, del rapporto tra sogno, inconscio e reincarnazione. Procediamo con ordine dando subito la parola a Battiato il quale in primo luogo afferma, a proposito della reincarnazione (Vanity Fair, 28/6/2004; cfr. commento a Testamento, 2012):
Dopo un certo numero di esistenze («credo nella reincarnazione») si spera di entrare nel mondo del non ritorno
E poi a riguardo del rapporto tra sogno, inconscio e reincarnazione, tra «reincarnazione e sogno»:
Negli ultimi anni il sogno sta diventando per me una nuova ricerca. Ho sogni che ricorrono, con ambienti che ricorrono spesso: sto entrando poco per volta nella toponomastica di ambienti che ho già vissuto in qualche altra vita.

[…]

abbònati per accedere a questo e agli altri commenti di battiatolacura.it